home > Comunicazione > Omaggio a Matera e alle Chiese Rupestri

Omaggio a Matera e alle Chiese Rupestri

Mostra a Potenza: presso il Museo Provinciale espone l’artista Michele Ascoli

La rassegna grazie alla Provincia con il patrocinio del Consolato dei Maestri del Lavoro

Dopo il successo avuto a Matera, nella splendida cornice della settecentesca Chiesa del Purgatorio, si è inaugurata il 29 novembre la mostra di pittura dell'artista Michele Ascoli, che sarà aperta al pubblico fino al prossimo 28 dicembre,  dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 16,30 presso il Museo Provinciale di Potenza.

Una importante Rassegna d'arte intesa quale “Omaggio a Matera ed alle sue Chiese rupestri”, resa possibile grazie alla disponibilità dell'Amministrazione Provinciale di Potenza e con il patrocinio gratuito della Federazione Maestri del Lavoro d'Italia – Consolato Provinciale di Potenza, quest'ultimo presente all'inaugurazione con una delegazione formata dal Console Regionale f.f. e Console Provinciale di Potenza MdL Lorenzo Berardino e  dai MdL Raffaele Gifuni e Giuseppe Mancusi.

L'inaugurazione ufficiale è stata svolta, dopo il saluto istituzionale del Presidente della Provincia di Potenza Rocco Guarino, dal critico d'arte Giuseppe Pugliese, autore di una puntuale e ricca presentazione scritta, con la quale ha illustrato gli artefici del vernisage dedicato a Matera e avente quale tema “Sassi nello stagno con riflessi di rocce ancestrali e chiese rupestri”.

Iniziativa, fortemente voluta dagli artisti impegnati nella mostra, per contribuire con la loro professionalità, intrisa di pittura, saggi fotografici e liriche crepuscolari  nello sforzo culturale che vede Matera Capitale Europea della Cultura per il 2019.

In particolare gli Artisti che hanno contribuito ed animato la mostra sono stati, oltre al pittore e fine dicitore di brani poetici Michele Ascoli, che con le sue opere, come rileva il critico Pugliese, è riuscito a  cogliere gli aspetti dello scenario, dedicato al paesaggio antico di Matera, che suscitano particolari suggestioni, attraverso una pittura che ferma il tempo e che richiede sguardi velati di memorie stratificate per mostrare luoghi dove la linea di demarcazione dell'orizzonte è un segno morbido, carico di metafore e lirismo..

Una iniziativa di sicuro interesse non semplicemente culturale ma che tocca le corde della sensibilità e della curiosità del visitatore, grazie al mix di artisti, alcuni dei quali erano presenti all'inaugurazione, che si colloca nello sforzo che nel tempo la Federmaestri di Basilicata sta portando avanti per tenere sempre vivo il sentimento di valori cui si ispira e che nel corso dell'anno prossimo vorrà ulteriormente arricchire attraverso alcuni progetti di Scuola-Lavoro, attualmente in gestazione da parte di un apposito gruppo di Coordinamento affidato al past Console Regionale MdL Antonio Papaleo.